Livorno: la città medicea, famosa per i suoi canali

Normalmente Livorno viene usata come “luogo di passaggio” per destinazioni più famose e popolari; il porto accoglie ogni giorni un sacco di navi da crociera, traghetti e gruppi numerosi di persone che da qui, poi, si spostano per raggiungere la loro destinazione finale…ma prima di lasciare questa intrigante città, bisogna dare uno sguardo a tutti quei luoghi ed attrazioni per cui vale la pena soffermarsi un po’ più a lungo, interessanti per tutte le età.

Il Mercato delle vettovaglie: La parola “vettovaglie” sta ad indicare le provvigioni per l’esercito… Livorno è, infatti, una città nata con lo scopo di fungere da porto commerciale a Firenze per la famiglia de’ Medici, ma anche da prima linea di difesa contro le incursioni – sempre più frequenti – dei pirati. Il mercato è probabilmente una delle strutture architettoniche più interessanti di Livorno, costruita intorno alla metà del XIX° secolo con l’utilizzo del ferro e del vetro insieme per creare una struttura imponente ma snella, grossa all’incirca quanto due campi da calcio. Al suo interno vi sono 200 banchetti di pesce, cibo ed altro ancora.

Terrazza Mascagni: La terrazza panoramica che contraddistingue la città di Livorno si estende sopra ciò che un tempo era conosciuto come il Forte dei Cavalleggeri, una fortezza con tanto di torre ed ampio complesso strutturale per la difesa. Dopo l’Unità di Italia, la fortezza fu ceduta alle autorità locali che la smantellarono – insieme alla torre – nel 1872. Fu soltanto nel 1925 che fu trasformata in una terrazza con vista stupenda e spazio in abbondanza per concerti, passeggiate e divertimento all’aperto. Data la sua caratteristica di “porto strategico”, Livorno subì pesantemente gli effetti della Seconda Guerra Mondiale, riuscendo comunque a sfruttare ingegnosamente le rovine dovute al continuo bombardamento per ampliarsi ed arrivare alle dimensioni attuali. È stata ristrutturata di recente ed oggi è uno dei luoghi più rappresentativi della città.

I “Fossi” Medicei di Livorno: La parola “Fosso” è sinonimo di fossato ed infatti il Fosso Reale corre lungo i confini di difesa di Livorno. I canali, proprio come quelli tipici di Venezia, pensati per l’irrigazione e la navigazione, sono un po’ come piccole stradine, anch’esse divenute simbolo della città. Fu un’opera di realizzazione monumentale, completata ad opera di Claudio Cogorano con l’aiuto (sebbene suoni un po’ sarcastico) di circa 2000 schiavi e 5000 contadini. Nel 2002, i canali di Livorno sono stati aggiunti alla lista dei luoghi Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Uno dei modi migliori per visitarli è quello di prender parte ad un tour in battello (organizzati anche in inglese e tedesco) che parte dal porto per poi addentrarsi nel cuore della città: un’idea eccezionale per chi viaggia con i bambini e per coloro che non amano percorrere grandi distanze a piedi per visitare le città.

Piazza della Repubblica: Senza dubbio, si tratta di una delle più grandi e pittoresche piazze della città, usata dai livornesi soprattutto come punto di incontro. Piazza della Repubblica fu costruita con lo scopo di modernizzare e dare un volto più giovane alle antiche stradine del quartiere ed incrementarne la funzionalità in relazione ai nuovi mezzi di trasporto del 18° secolo (fu realizzata tra il 1838 ed il 1845). Si erge sopra il Fosso Reale che galleggia proprio al di sotto e si estende in lunghezza per ben 220 metri…dalla piazza non diresti mai di trovarti sopra un ponte o, come viene chiamato talvolta dai livornesi “Voltone”. Era conosciuta anche come Piazza del Granduca a causa delle due prestigiose statue poste ad entrambe le estremità e rappresentanti Ferdinando III e Leopoldo II, entrambi decisivi per la costruzione e la protezione di Livorno.

L’Acquario di Livorno: c’è qualcosa di semplicemente affascinante nei colori e nelle forme di questo misterioso mondo sottomarino. L’Acquario di Livorno è un’idea ottima per tutte le età, con itinerari diversi tra pesci di ogni tipo, esplorazioni archeologiche e – novità dell’attrazione – un’area dedicata ai rettili e molto altro ancora.